Inside the Heart of Wolf Advocacy: The Italian Story…

Wolves have been persecuted and killed all over the world, but for different reasons. In Italy, for instance, the main cause of poaching and killing wolves is the conflict between farmers and predators. Erika Ottone, in her own words explains to us the situation and the possible solutions:

“MAN-WOLF CONFLICT: A SOCIAL-CULTURAL, ECONOMIC AND POLITICAL ISSUE by Erika Ottone, veterinary surgeon Spec.TePACS, GPCert (EXAP).

Predations on domestic livestock are one of the main conservation problems of the Wolf, Canis lupus (Fernandez-Gil et al 2016; Mech & Boitani, 2003). The predations are concentrated above all in the areas where the farmers do not adopt correct breeding practices that guarantee the custody and the minimum means of protecting the livestock (Linnell & Boitani, 2012; Marino et al., 2016).
Checking the predations on the livestock is an activity carried out by a veterinary surgeon operating within the environmental managing agency and it allows to obtain information on management methods and above all to establish direct contact with the farmers of the territory. In fact, the ultimate goal of this activity is the identification of effective prevention and damage control plans for the livestock sector through the adoption of prevention tools and adequate breeding practices that could significantly reduce compensation damages and costs (Dalmasso et al ., 2012; Reinhardt et al., 2012)

Erika Ottone works with a Livestock farmer in Italy

A careful analysis of the collected information shows that the conflict between man and wolf is a socio-cultural, economic and political problem. The inadequacy of farm management systems can be attributed to the inefficient economic exploitation of the livestock sector, to the lack of willingness to adapt its management to an environmental context in which a predator is present, to the divulgation of incorrect information. There aren’t only the farmers involved in the men-wolves conflict, but all the citizens can favor the coexistence of men and wolves with their daily choices.

In the National Park of Pollino PNP, engaged for some time in monitoring the conflict between canine and zootechnics, a medical-legal verification activity was conducted on predations to domestic livestock, following a standardized procedure that includes, in addition to the report of the anatomical-pathological investigation, the detection of environmental facts and information related to the management of farms.

National Park of Pollino PNP

The analysis of the number of predations in relation to the number of farms operating in the area, and to the management and environmental context, has made it possible to identify “critical areas” in which the damage caused by predation is serious and frequent only in some of the farms present in the area. The analysis of the management methods of the affected farms confirms that improper management of the farm and the absence of effective precautionary measures, such as security, guard trained dogs, suitable fences and stables for night shelter of animals, may be the main predisposing factors to the high number of predations in that farm. (Dondina et al., 2015; Ciucci et al., 2018).
Therefore, the adoption of prevention tools and appropriate breeding practices identified for each farm could significantly reduce the damage (Dalmasso et al., 2012; Reinhardt et al., 2012). The PNP and other Italian parks, don’t limit themselves to indicate and suggest management solutions but they also  help the farms to realize suitable fences and deliver dogs on free loan of use with a stock of biscuits for dogs, thanks to the collaboration of some pet-food companies.
The lack of adequacy of management systems in some cases is linked to a lack of will to change and adapt one’s own developed and inherited farm managing system that was born in the past, and that now doesn’t fit to a natural context in which  predators are back. Farmers often report: “I have always done so, my grandfather and my father did so, now, just because you wanted wolves, have I to change?” It is easy to find a culprit and it is certainly easier to indulge than to educate; it is not easy to tell and explain the anthropic impact on nature, how man has changed the territory and how the wolf is now entering and adapting in a modified environmental context. It is not easy, yet in the work of monitoring the man-wolf conflict it is essential to engage in education and the divulgation of correct information.
In some cases, management inadequacy is also the consequence of difficult economic conditions. Farmers in large part are grouped together, thinking about their future, in a mood of pessimism. This situation is not only attributable to the conflict with the wolf, as the farmers themselves admit, but also to the poor economic valorization and the scarce consideration the farmers have: it often leads them to feel inadequate to the new social contexts. All the farmers operating in the area are aware of the presence of the wolf and the possibility of suffering predation, they know well that their animals are prey and that the predatory event is part of the natural role of a super predator such as the wolf, the problem is the repetition of predations, is the chronicity of the phenomenon.
Unfortunately the precarious and frustrating situation that the sector is experiencing, the divulgation of incorrect information and the media exploitation of the “wolf question” mean that the predatory event, which certainly creates significant damage to the farmer, becomes the scapegoat of a situation that has its roots in an inadequate economic, social, cultural and political system. Of course, we do not want to diminish the damage of predations on domestic livestock suffered by the farmer, damage which is recognized, compensated and which represents an opportunity for investigation aimed to improve the farm management methods, but certainly the damage in question would be perceived differently by the farmers in a greater economic and social development of the livestock sector.
The improvement of the economic and social situation can and must be the prerogative of everyone: every single citizen can give value to the local animal husbandry by buying its good products, and helping in the education and divulgation of correct information, always checking the sources, inquiring and asking experts in the field. Therefore, it is not correct if we speak about a conflict between livestock and wolves, limiting the issue to the farming sector alone, but it is right when we speak about a Man-Wolf conflict. We are all responsible through our choices of this conflict which, with good will and without exploitation, can change into coexistence.”

Erika Ottone, veterinary surgeon

Featured photography Of wolf by Antonio Iannibelli

The 2018 Wolf Festival in Italy was an event I didn’t want to miss…

Between Turin and Castelluccio di Porretta Terme there are about 400 kilometers. A pleasant journey through the hills of Asti, which then turn into those of Piacenza, and then enter the rich and dark earth territory of Bologna. As we drove the car we were singing all the way accompanied by the windshield wipers: Mirco, my companion, drives and I let myself be brought along, and looking lazily out of the window.

Manservisi Castle Doorway

We arrived in the afternoon, when the light of a rainy day is fading. We meet with our friends from Milano and together we walk the few meters of paved path that leads to the entrance of the Castle of Manservisi and … voilà, immediately we are immersed in a warm, festive and welcoming atmosphere.

Manservisi Castle

Just in time to greet the “hosts” Maria and Antonio, complete the reception procedure and become familiar with the meanders of the Castle in order to be able to find the way to our room, and we are immediately attracted by the voices and lights of the conference room, where the presentation of the festival is about to officially begin. There are hundreds of photos of wild wolves exposed in the exhibition and, sitting in the parterre, it seems to be really in the middle of a pack. When the magical notes of the musician Oreste Filippi spread, they enchant me and, listening to them with my eyes closed, I have the feeling of being in peace with the world, in the middle of my life and exactly where I should be.

In the photograph Antonio Iannibelli (holding the microphone) and Maria Perrone.

As I looked around in the other rooms, then, I was surprised by all the smiles of the people I met. They are all guests of the Festival, like the biologist and writer Alice Cipriani and the painter Marina Fusari. I lost myself among all the books on display, I admire the watercolors and the images, I absorb every color or word concerning the wolves.

During a good and convivial dinner we meet other participants of the festival who share the table with us: many have come from every corner of Italy to learn, deepen their knowledge, and get more information about this fascinating, resilient and elusive animal. I think I’m like a little girl on a school trip.

During the evening after dinner, despite the bad weather, we try to come out in a group for a simulation of wolf howling: a very suggestive experience, immersed in the darkness of the forest to listen in silence to its noises. Unfortunately, as we had anticipated because of the bad weather, the wolves do not respond. We seemed to be the only creatures out in the bad weather.

Sleeping in the dorm rooms with our friends increased the feeling of being back in our youth and we found ourselves laughing at silly things in the dark cabin just before before falling asleep.

…Coming to the Festival of the Wolf is useful for me, therefore, to know other Italian realities, to establish parallels and differences…

On Saturday, for most of the day, I found myself saturated with news, updates, useful or curious information, thanks to the interesting interventions of the various figures of specialists that arrived from different areas of Italy. The specialists alternated on stage in the conference room, and with friendly simple language, that made us spend many hours without a moment of boredom or fatigue.

Photo: The panelists Fabio Quinto, Gabriella Rizzardini, Francesca Ciuti, Erika Ottone speaking

My passion and my sense of justice, that leads me to defend every creature in a position of disadvantage, have led me over the years to know quite well the situation in the Alps, especially in my Val di Susa, in Piedmont, where wolves returned only in the 90s, cautious and almost invisible. This is in fact a valley close to Turin, with a high anthropic density and a geological conformation not very welcoming, since the highest mountains, which would provide an ideal refuge far from the men, have steep and rocky walls,. While the valley bottom is narrow, crossed by roads, highways and railways. It’s a difficult environment for the settlement of wolves, yet these, once again demonstrating patience and determination, have managed to settle and form some permanent packs. Coming to the Festival of the Wolf is useful for me, therefore, to know other Italian realities, to establish parallels and differences.

Lastly, my intention is also to interview some women, protagonists of the Festival, to know the deep motivations that have persuaded them to take care of wolves, in their different fields. At the end of all the interventions I approach a couple of them to ask some questions.

I’ve always been a lover of nature, wildlife and in particular of the wolf that for me is the emblem of freedom. ~Erika Ottone

The first one is Erika Ottone – Veterinary surgeon with experience in rescue, treatment and rehabilitation of wild animals, wildlife monitoring and environmental education. From 2017 she works for the Pollino National Park Authority in Basilicata, dealing with monitoring and assessment of livestock predations by wildlife in the context of the project “Living with the wolf, knowing and preserving”

Erika says: “I’ve always been a lover of nature, wildlife and in particular of the wolf that for me is the emblem of freedom. I have been lucky to have a lot of experience in environmental education, so I realized that conservation cannot be separated from education. All conservation projects are not worth much if they are not accompanied by a sensitization activity. Currently I work as a veterinarian, certifying the predations on domestic animals by wild animals and so I have the opportunity to talk with breeders and educate them, to provide them with correct and current information and to make sure that they leave their old beliefs and that wrong cultural heritage that leads them to hate wolves. We try to intervene also to improve their life that is often economically precarious.”

Question: “So I understand that in the Parco del Pollino the biggest problem is the difficult coexistence of wolves and shepherds. But are there phenomena of poaching and illegal hunting?”

Erika: “Unfortunately, poaching is there but it is a little known problem, because there is silence and fear to denounce. For this reason, going to the farms in that area, I can talk with people who work and are always present and, as they live in the mountain, they know what happens: I explain to them that killing a wolf is useless, because one died, another comes, instead they must understand that we are there to improve the lives of everyone: breeders and wild animals.”

Question: “According to the Native Americans, the wolf is sacred, it is to protect and care for and represents the medicine of the world. Can we say that the wolf is the medicine for Italy? How could it be? ”

Photo: Erika Ottone

Erika: “In Italy, the wolf is the guardian of our mountains. Thanks to its natural role at the top of the food chain, it controls numerically wild animals and makes selection also on domestic ones. He is the guardian of an ancestral culture and in my opinion he is also a hidden friend of the breeders, because for centuries they have lived together on the same lands, they are roommates who basically take care of them even if in a different way. Now the situation is difficult because there is a struggle between them and that is why we have to spread a new vision of the role of the wolf, in order to let it continue to be the guardian of our mountains. ”

Therefore, according to the words of Erika, in Italy we could change the phrase “Medicine of the wolf” into “Education of the wolf”.

From Erika’s stories I understand that this slim, discreet figure of a small, great woman with expressive eyes, has made a difference. She did not get lost along the rough paths, overwhelmed by strong breeders, who are accustomed to dealing with veterinarians belonging to the so-called strong sex. Instead she has persevered thanks to her expertise and sensitivity. I deduced that she has succeeded, because of her grace, to perform the miracle of popularizing the science, the knowledge of the wolf and to educate the local populations of farmers to a more peaceful coexistence with the “mountain keepers”.

The other interesting protagonist of my interviews is Maria Perrone, a naturalist photographer, web content manager and an excellent organizer of the event. Her companion, who shares with her his life and passions, is the writer and naturalist photographer Antonio Iannibelli. He has loved wolves since his grandfather used to guide him through the paths of their kingdom, in the Pollino National Park. Together Antonio and Maria founded the association “Provediemozioni” and together they organize many initiatives related to the wolf: she mainly takes care of the contents of the blogs and the communication and organization of events such as the Festa del Lupo, which lasts three days, takes place every two years and which is now at its sixth edition with ever-increasing success. First of all, I congratulate Maria for her punctual and precise direction, thanks to which these days are unfolding perfectly: I can only imagine the great commitment and the effort behind it, so that everything runs smoothly. To my question about why a woman like her, with a work so far from the natural environment has approached the wolves, her answer is disarming and sincere: for love. It is love that leads a woman to devote herself entirely to a passion, and in this case it is love for her husband, who introduced her and guided her through the woods during her first steps in search for wolves to photograph. She has passion, the passion that drives a woman to love and therefore to defend. Here are her words.

I can tell that only after two years of useless hikes made at 4 am, often with a temperature of -17 degrees Celsius, I could see my first wolf. ~Maria Perrone

Maria: “Why wolves? Because I met Antonio who infected me with his love for the wild nature and for the wolves. I am a very passionate woman and if I am interested in something, I like to understand it deeply. So, beyond what he told me, I started looking for and finding contradictory information about this animal: who defends it and who wants to kill it. Then my instinct for the defense of the weakest came out. The Festa del Lupo was born from this idea of reading, talking and telling about one’s own experiences. For example, I can tell that only after two years of useless hikes made at 4 am, often with a temperature of -17 degrees Celsius, I could see my first wolf. I wrote an article about my first sighting, because it seems that before me, I mean in 2008, no woman had ever photographed a wild wolf in Italy. In fact, the first time I saw them I was so excited that I did not want to detach myself from the binoculars to take the camera, with the risk of losing sight of them. I think the wolves wanted to test me, because after that time, I started to spot them and take pictures of them much more often. Thus, the Wolf Festival is also an opportunity to share scientific knowledge and experiences in the field. For me, then, that I have an organizational and precise mind, that I put to good use for my work but in a completely different field, it was immediately congenial to create this event. I must say that this edition had much better results than ever because we changed the format to make the interventions of the experts more appealing. We had a really interested and motivated audience, who has reached this place on the mountain on purpose, heading out on a long journey with rain and fog, doing many kilometers, (as you have done for example), to hear about wolves.

Question: “I ask you the question I always ask everyone: the wolf is sacred to the Native Americans and is considered a medicine that cares. What does it represent for Italy? ”

Maria: “In general, those approaching the wolf approach the wilderness and this leads to living with less fear and greater openness. With Antonio I started going out into the woods at night and hearing disturbing noises. But he, who was really a great teacher to me, says that you are afraid of things that you do not know, so if you can identify and name the noises you hear, you do not fear them anymore. For example, in addition to the wolf, he taught me not to fear other wild animals, even the viper. So loving the wolf means learning not to be afraid and, ultimately, not to fear diversity and change. Finally, to your question about why a woman is passionate about wolves, I answer because women identify with wolves because they are mothers, they defend their children, they are resilient; in fact, I have met some men who fear him, but I never met a woman or a child who told me they were afraid of it. We live in a world where people live with more and more fears and phobias, so I think the wolf can take care of our sick world “.

Photo: Maria Perrone

After thanking Maria, I consider that we women are close by nature to the meaning of life, to what reflects the concept of existence with so much force as that which nature expresses every day in all its manifestations. The cycle of life, death and life is respected in an almost sacred way by wolves, and also by healthy and balanced women; as Clarissa Pinkola Estés writes in her famous book “Women who run with wolves” and we, though immersed in a life seemingly far from these ancestral rhythms, we are irresistibly attracted to it. When I look at the mountains, I hear the call.

…It is not a single wolf to howl, but a whole pack: we can also hear the voices of the puppies (about five months old), who try to imitate the big ones with more acute howls, ending almost with yips…

As the day comes to a close we all relax and enjoy an excellent dinner. In the end, before gathering around the big fireplace, where the roasted chestnuts are crackling happily, waiting for Oreste to play his fascinating music again for us, we decide that it is time to go out for a walk to have a coffee at the bar of the village. The pungent cold of the clouds welcomes us outside the door, luckily the rain stopped, the fog is thinning and some lights can be glimpsed down into the valley. While we chatter noisily, our ears perceive an ancestral yet familiar sound, something that makes us dumb while we look at each other in disbelief: a few kilometers far from us, in the darkness of the forest that lies next to the village, there is a concert going on. It is not a single wolf to howl, but a whole pack: we can also hear the voices of the puppies (about five months old), who try to imitate the big ones with more acute howls, ending almost with yips. The whole thing lasts a few seconds, at the end the concert closes with the dark voice of an adult, leaving behind only the barking of the dogs of all the surrounding houses. We are astonished: as if, after talking about them all day, they decided to give us this exciting and unexpected gift. It will be difficult to fall asleep, after such an exciting experience, but we must try to sleep: the weather forecast bodes well for tomorrow’s excursion and the alarm clock is already on.

Gianluca Maini

When we open our eyes it is still dark and we don’t understand what’s the weather like, but we prepare ourselves with all the enthusiasm and charge that the event of last night gave us. The appointment is outside the Castle, with Gianluca Maini, biologist and naturalist and our passionate guide on the traces of the wolf in the Corno alle Scale Natural Park. After having managed to organize a small procession of cars, we queue and follow him along the asphalt road for a few kilometers, to the point where we leave the cars and we walk: a colorful and heterogeneous group of hikers, all armed with tools to walk and photograph and with the curiosity to climb along the paths of a forest that immediately appears fascinating in its hazy and fairy atmosphere. Gianluca explains to us, with the passion in his eyes, the mysteries of the packs that populate those areas, pointing us also to the secret place where a photo-trap is located, from which he extracts a memory card. He inserts the memory card into the laptop and immediately we all get close to him as curious children when Christmas presents are opened. Unfortunately there are no interesting passages in those last recordings, nevertheless we have learnt thanks to this moment what it means to do research in the field and known the taste of discovery.

Camera Trapping

We continue our trip on thick carpets of wet leaves or under high vaults of intricate branches of fir trees. We cross clearings and discover traces of wolves’ passages, whose diet is explained thanks to the visible remains. It may be the luck of beginners, however I also have the honor to find a fresh dropping!

Gianluca explains to us, with the passion in his eyes, the mysteries of the packs that populate those areas…

The day remains cloudy and the hike is rightly shortened when it is clear that the light drizzle is becoming real rain and that it will not stop soon.

I leave unwillingly that magical place, where I have learned a lot of secrets about its vegetation, its animals and its geological history. I think I would like to be with someone like Gianluca Maini also when I walk into the woods of my mountains: having an expert who explains to you in so a clear way what you can only ask yourself what it is, without ever having an answer, it is a precious opportunity.

Tracking wolves in the park.

Now Sunday is coming to an end and, back to the Castle, we just have the time to thank and greet with affection all the protagonists of this wonderful festival, to load our luggage in the car and take the road back to Turin, with the deep voice of the woods still in our ears.

Photo: Maria Perrone, Brunella Pernigotti and Antonio Iannibelli

I consider that we women are close by nature to the meaning of life, to what reflects the concept of existence with so much force as that which nature expresses every day in all its manifestations. ~Brunella Pernigotti

Il Progetto Life WolfAlps – Un progetto vitale per tutti.

Photo ( left to right) Erika Chiecchio, Mattia Colombo and Brunella Pernigotti during our interview at the LWA offices in Chiusa Pesio, photo credit: Brunella Pernigotti

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sede del Parco Naturale del Marguareis (photo by Brunella Pernigotti)

Lungo il mio percorso esistenziale ad un certo punto ho scoperto le orme del lupo e, seguendole, mi sono trovata su sentieri sconosciuti e imprevedibili, finché, attraverso diverse fasi, sono arrivata al momento presente. All’inizio fu una semplice e romantica infatuazione per questo animale così apparentemente vicino eppure così lontano e inarrivabile,
 affascinante e misterioso, che mi fece sentire la necessità di difenderlo
dalla forza distruttrice dell’uomo; però, man mano che studiavo da profana i comportamenti e l’habitat del lupo,  approdai a un maggiore realismo dovuto alla consapevolezza delle problematiche ad esso legate. Non ho preparazioni scientifiche che mi supportino, ma solo la passione per la Natura e per le mie montagne. Continuo a sognare, quello sì. Sogno una coabitazione pacifica e un equilibrio, tra l’uomo e questo grande predatore, improntato al rispetto sia dell’ecosistema che del lavoro umano. A questo pensavo mentre, sul sellino posteriore della moto, lasciavo che il mio compagno di vita e di avventure mi guidasse lungo la strada verso le Alpi Marittime, tra piccoli paesi che contendono alla montagna lo scarso spazio abitabile. Le tante cime, che creano un confine alto e spesso tra il Piemonte e il mare, sono estremamente verdi e offrono l’ideale rifugio ai lupi che, dagli Appennini, risalirono verso nord negli anni ’90 e che alla fine vi si insediarono nuovamente ponendo fine alla loro sparizione causata dalle persecuzioni e dalla caccia indiscriminata del secolo passato. D’inverno sono zone in cui nevica molto proprio a causa dell’aria mite che arriva dal mare che si scontra con quella fredda del nord e d’estate i pascoli sono rigogliosi, per cui sono molti i pastori che vi portano in alpeggio il loro bestiame.

In circa due ore, dalla pianura di Torino e dalla città affollata e calda,
arriviamo a Chiusa di Pesio, dove si trova la sede del Parco Naturale del Marguareis, ora accorpato con il Parco Alpi Marittime in un unico grande Ente, uno dei partner che partecipano al Life WolfAlps Project. Un breve viaggio che rappresenta però per me il raggiungimento di una meta dopo  un lungo cammino iniziato molti anni fa, durante il quale ho conosciuto molte persone appassionate che lavorano e dedicano la propria vita a questi animali, tra cui i soggetti del Progetto Life WolfAlps.  Salendo, curva dopo curva, osservo le creste e i boschi che costituiscono l’habitat naturale del Canis Lupus Italicus e ne immagino i recessi selvatici e imperscrutabili.
All’arrivo, togliendoci il casco, ci accoglie l’aria fresca e profumata di
erba appena tagliata. Alzando gli occhi noto che l’edificio ha l’aspetto di un rifugio montano: gli uffici in cui Erika e Mattia ci aspettano sono
sicuramente diversi dagli uffici tutto tecnologia e cemento della città. Qui si respira il profumo del legno e della passione per la Natura. Foto di piante e animali selvatici appese un po’ ovunque. Silenzio e pace circostanti.
 
Il LWA(Life WolfAlps) è un progetto europeo nato nel 2013, che ha come obiettivo la realizzazione di azioni coordinate mirate alla conservazione e alla gestione del lupo che vive sulle Alpi. E’ cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito di un progetto più ampio dedicato alla Natura e alla biodiversità. Al progetto partecipano una decina di partner, tra cui soprattutto gli enti di gestione dei vari parchi nazionali distribuiti lungo l’intero arco alpino, da ovest a est, fino a sconfinare nella Slovenia.
Tutti insieme lavorano per creare strategie mirate soprattutto a ridurre i conflitti e a far convivere il lupo e le attività tradizionali dell’uomo.

Erika e Mattia ci accolgono con calore e subito si crea quella relazione
schietta e sorridente che c’è tra persone che hanno una comunione di
intenti. Ci sediamo attorno a un tavolo e in modo informale e amichevole inizia la mia intervista. Le domande che faccio nascono soprattutto dalla mia curiosità di capire e conoscere meglio che tipo di lavoro c’è dietro al progetto dedicato al lupo delle Alpi e alla sua salvaguardia. Mi interessa conoscere le persone che attivamente si muovono e lavorano sul campo, con quali risorse e quali prospettive, per poi poterlo raccontare a chi vive dall’altro capo del mondo.
 
 Innanzitutto, dopo le presentazioni, emerge il primo e più importante
problema: quello di una corretta ed esaustiva informazione. Il lavoro
accurato e scientifico dei ricercatori può essere facilmente cancellato da
una notizia diffusa con leggerezza dai giornali o da altri mezzi di comunicazione. Spesso l’informazione risulta poi essere falsa, ma dal momento che viene pubblicata, il danno è fatto. Nelle vallate in cui il lupo è tornato, per esempio, circola la convinzione del tutto infondata che il lupo sia stato reintrodotto dall’uomo. Non è vero! E su questo e per questo, chi si occupa di “Comunicazione e didattica” per il LWA sta facendo un ottimo lavoro.
 
Ma passiamo all’intervista vera e propria:
Vi chiederei cortesemente una breve presentazione personale.
Mattia Colombo – Sono un ricercatore e, come mi piace definirmi, un wolf biologist. Mi occupo di coordinare il monitoraggio dei lupi nella provincia di Cuneo da parte di tutti i possibili operatori preposti, come i guardiacaccia, i guarda parchi, il corpo forestale, ecc. Inoltre svolgo io stesso attività di ricerca sul campo. Ho iniziato nel 2001 in Valle Pesio
come volontario, poiché dal 1999 nel parco era già tornato uno dei primi tre branchi di lupi (gli altri due si insediarono uno in Francia, nel Mercantour, e l’altro sulle Alpi della provincia di Torino). Poi con la dott.ssa Marucco ho preparato la mia tesi universitaria sul lupo. Ho completato gli studi con un master in Svezia sul lupo scandinavo.
Erika Chiecchio – Sono una naturalista e lavoro soprattutto in ambito di educazione ambientale e didattica. Mi occupo di turismo, manifestazioni, didattica e sono il grafico dell’ente  dove in tutto siamo 53 dipendenti.
Per quanto riguarda l’attività di divulgazione e didattica sul lupo, quest’anno io e i miei colleghi abbiamo organizzato incontri con circa 1500 ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori. Abbiamo cercato di dare loro informazioni generali attraverso il gioco e la sperimentazione, spiegando come avviene il lavoro sul campo. Per i ragazzi delle scuole superiori è anche prevista una parte teorica e scientifica.  Inoltre abbiamo presentato alle classi di studenti alcuni degli articoli apparsi sui giornali, per analizzarli e svelare le bufale relative al lupo. A questo proposito a settembre sarà organizzata una giornata di formazione dedicata anche ai giornalisti, perché evitino di cadere nei luoghi comuni del lupo cattivo e feroce. Sono convinta che l’attività di comunicazione vada sviluppata soprattutto con i bambini e con le nuove generazioni, per creare una nuova cultura sostenibile e favorire a lungo termine una buona convivenza pacifica tra i lupi e gli uomini di queste vallate.
In quale misura la burocrazia, con i relativi problemi legati ai
finanziamenti, rappresenta un ostacolo all’attività e alla funzionalità del Progetto?
Mattia – Le istituzioni richiedono che siano fatti studi scientifici, che i dati raccolti siano esatti, che il nostro lavoro sia fatto con efficienza e
che presenti una credibilità che a volte però è scarsa per la mancanza di un monitoraggio sistematico. Infatti per ottenerlo sono necessarie tecniche sofisticate che utilizzano l’analisi del DNA, e poi molto lavoro in laboratorio, sul campo e in ufficio. Tale lavoro è in generale da gestire con energie finanziarie notevoli, ma anche con studio, competenza e aggiornamenti costanti sulle nuovissime tecnologie, che il LWA implementa in parte.
ln Italia ha destato molte critiche il nuovo “Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia” predisposto dall’Unione Zoologica Italiana, che prevede l’uccisione del 5% dei lupi esistenti ogni anno e che sta per essere approvato. Che cosa ne pensate?
Mattia – Noi come ricercatori del LWA abbiamo contatti col Ministero dell’Ambiente ma non siamo inclusi nel processo decisionale. Le nostre attività, che noi cerchiamo di garantire al meglio, sono scientifiche e tecniche, ma la decisione finale sarà politica. Al momento c’è molta confusione, nessuno è in grado di spiegare come funziona. Alla bozza iniziale di questo Piano hanno partecipato tutte le associazioni di categoria nazionali e l’Unione Zoologica Italiana. Il Piano di azione nasce dall’esigenza di regolamentare la gestione delle specie in via di estinzione. Il punto delle deroghe, cioè dei previsti abbattimenti, è però solo uno dei punti in cui si articola il Piano. Bisogna dire che anche gli altri sono altrettanto importanti: essi sanciscono tutte le azioni di coordinamento che le regioni e gli enti dovrebbero fare. Il Piano in forma definitiva non è ancora disponibile . Ma gli abbattimenti in realtà non potranno essere indiscriminati: si tratterà di decidere come e perché potranno essere attuati e sarà una cosa molto complessa, anche perché sono da giustificare a livello europeo e a norma di legge, quindi devono avere una base estremamente scientifica. Nel Nord America ci sono piani d’azione simili. Bisogna tenere conto anche del fatto che il lupo ad un certo punto, forse tra molto tempo, potrà essere declassato come specie a rischio (Endangered. IUCN D).
BrunellaPare stia accadendo qualcosa di simile anche a Yellowstone, dove i cacciatori lamentano un aumento dei branchi di lupi, quindi un aumento delle loro predazioni , che lasciano i “poveri” cacciatori privi dei loro tradizionali trofei….
Mattia – Anche qui i cacciatori si lamentano. Il problema è che non riusciamo a ribattere con dati scientifici perché in Piemonte non è  sapere con esattezza quanti sono gli ungulati, poiché non si riesce a standardizzare il monitoraggio. Sugli animali domestici, invece, la situazione è differente; infatti c’è stato un censimento del circa 98% degli allevamenti in alpeggio in Piemonte, anche per poterli dotare di cani da guardiania e per mantenere tra loro e i lupi un livello di conflittualità sostenibile.
 Rapporto con gli allevatori – E’ possibile fare cultura e corretta informazione anche con gli allevatori?
Erika – Di sicuro non si potrà mai sperare che l’allevatore ami il lupo ma dobbiamo accertarci che riceva gli aiuti necessari per convivere, soprattutto nel lungo termine, e per ottenere questo ci vuole un impegno costante delle politiche regionali e nazionali.
L’informazione dedicata agli allevatori è prevista dal LWA. Questa estate abbiamo organizzato 10 visite guidate agli alpeggi, per sensibilizzare i pastori e gli escursionisti. Da questi incontri abbiamo ottenuto, da parte degli allevatori, risposte differenti: alcuni ci hanno detto che il lupo non è un problema, grazie all’uso che fanno di recinti elettrificati e cani, altri, invece e nonostante ciò, si lamentano perché hanno subito delle predazioni.
Mattia – Per i pastori l’arrivo del lupo nella loro zona è un trauma serio perché devono rivoluzionare la routine gestionale della loro azienda. Mi è capitato, quando andavo ad aiutare i pastori a imparare a usare i sistemi deterrenti, di vergognarmi di essere un “lupologo”, vedendo qualcuno che piangeva perché aveva subito degli attacchi alle sue bestie e quindi perdite e danni in termini di lavoro e di soldi. Ma noi crediamo nel nostro progetto, che ha l’intento anche di supportare le attività lavorative per preservare, alla fine, insieme allevatori e lupi. In definitiva siamo noi, in quanto ricercatori sul campo e facenti parte del progetto di conservazione del lupo, che dobbiamo avere l’intima consapevolezza e convinzione che si può e si deve proseguire per questa strada.
 Alla luce di tutto ciò, che cosa ci si deve aspettare dal Piano di Gestione, che al momento è fermo?
Erika – Sul piano comunicativo non ci si può ancora pronunciare.
Mattia – Secondo me è necessario comunque avere un piano d’azione, cioè dei paletti entro cui muoversi che abbiano un supporto scientifico forte e reale. Personalmente nutro fiducia nelle figure professionali che stanno seguendo l’iter dal punto di vista scientifico, in quanto si tratta di ricercatori con grande esperienza alle spalle anche a livello legislativo in ambito europeo. Tuttavia sono convinto che le decisioni che saranno prese saranno politiche e probabilmente scontenteranno tutti, perché è la conseguenza ovvia di un tentativo di far convergere in un solo punto le esigenze più estreme e contrastanti degli animalisti e dei cacciatori.
Comunque spero e mi aspetto che tutte le parti in causa, politici compresi, si documentino realmente perché il rischio è che manchi alla fine la preparazione tecnica per prendere le decisioni finali. Quindi è necessario che leggano i report, che partecipino agli incontri tecnici, che studino e si consultino con esperti e studiosi. Per esempio, non si tiene abbastanza in considerazione il fatto che noi del LWA, con i francesi d’oltre confine, stiamo studiando quella che è la terza popolazione di lupi per importanza d’Europa, insieme a quelle della Germania e della Svezia. Da parte dei politici è essenziale ascoltare i pareri tecnici e fare scelte consapevoli perché alla fine anche loro dovranno assumersi le proprie responsabilità.
Al Piano d’Azione è legato anche il problema del bracconaggio e delle uccisioni illegali tramite trappole o bocconi avvelenati?
Erika – Certamente sì. Il ritrovamento di lupi uccisi per motivi antropici è sanzionato ma anche legalmente scalato dalla eventuale quota dei lupi da abbattere annualmente prevista dal Piano. Quindi, fintantoché rimarranno così tanti i ritrovamenti di lupi uccisi dall’uomo, gli abbattimenti programmati dal Piano non potranno mai essere applicati.
 A un piano di gestione del lupo in Italia credo sia anche fortemente legato il problema degli ibridi.
Mattia – Certo! Legalmente cosa ne facciamo di questi ibridi? Da noi in Piemonte per ora non ne abbiamo: lo sappiamo perché grazie al DNA abbiamo la possibilità tramite l’ISPRA di Bologna di campionare molto precisamente le fatte ritrovate. Ma in Toscana e sugli Appennini in genere il problema ibridi è forte. Il fatto è che innanzitutto non è sempre facile distinguere un lupo da un ibrido, alle volte solamente tramite il DNA e inoltre, a livello legislativo, ci sono provvedimenti decisamente differenti a proposito della gestione dei cani o dei lupi.
BrunellaAggiungerei che gli ibridi non rappresentano solo il rischio della perdita del patrimonio genetico del lupo, ma sono un problema che ha conseguenze anche sulla stessa politica di gestione del lupo. Per esempio, che cosa capita se un allevatore lamenta una predazione da parte di un lupo che poi invece risulta essere un ibrido…?
Mattia – Generalmente vengono risarciti i danni provocati da “Canidi” che includono sia i danni da lupo che da Cane. Quindi in realtà non cambia. In passato, in una regione con dei protocolli che prevedevano solo risarcimento dei danni da lupo è successo di aver avuto dei problemi  nel risarcimento.
 A questo proposito, quali sono le differenze nella gestione del lupo
sulle Alpi e sugli Appennini?
Mattia – La recente ricolonizzazione da parte del lupo sulle Alpi è avvenuta gradualmente, quindi abbiamo avuto tempo per organizzarci, quindi, sicuramente una prima differenza è che in Piemonte, con il progetto LWA, cerchiamo di creare un coordinamento a livello regionale e interregionale.
Negli Appennini invece la gestione è più articolata e varia a seconda delle zone. Noi abbiamo in generale più neve e ci è più facile monitorare i lupi presenti in inverno, differenze orografiche e capacità di reperire risorse a livello istituzionale, poi, fanno il resto. Certamente gli Appennini sono anche più vasti e per forza c’è un approccio differente. Nel Parco Nazionale d’Abruzzo  e in Majella c’è magari un po’ più di tolleranza da parte degli allevatori però in generale, anche se sull’Appennino il lupo non è mai scomparso del tutto, gli allevatori di quei territori non sono amichevoli.
Nel grossetano per esempio sono molto arrabbiati e si sono verificati casi di ritrovamenti di lupi uccisi e con le teste tagliate, atti da considerarsi quasi come rappresaglie.
Ora veniamo a un approccio al lupo un po’ più culturale e meno scientifico. Come vengono considerati da queste parti?
Erika – Nel mio lavoro facciamo vedere ai bambini le tracce lasciate dai lupi, facciamo capire loro come funziona la catena alimentare e spieghiamo perché sono tornati. A questo punto abbiamo reazioni diverse. I bambini che arrivano dalla città non hanno pregiudizi, sono come un foglio bianco su cui scrivere: gli raccontiamo la vita del branco, che nella loro immaginazione richiama quella della famiglia, la dispersione dei giovani, rivisitiamo la fiaba di Cappuccetto Rosso, e subito ci rendiamo conto che su di loro abbiamo più presa, ottenendo quasi sempre reazioni positive. Quelli che arrivano da queste vallate invece hanno atteggiamenti meno tolleranti; sia chiaro che nei nostri incontri noi non cerchiamo mai di fare amare il lupo, ma solo di far capire che il lupo è tornato in modo naturale , smontiamo le bufale che parlano di un suo reinserimento da parte dell’uomo, spieghiamo
che è un grande predatore utile per mantenere sani  i branchi di animali selvatici che costituiscono le loro prede. Ecco che allora, quando i bambini capiscono che è importante la sua presenza e che non ne avremo mai un’invasione a centinaia, siamo ripagati con un feedback positivo in termini di lavori fatti a posteriori, che poi ci mandano dalla scuola: belle storie inventate, disegni e finali di fiabe modificati. Con i ragazzi dell’Istituto Agrario, poi, c’è stato un approccio ancora diverso: abbiamo chiesto di andare per parlare non dei lupi ma dei problemi degli allevatori e dei possibili sistemi di prevenzione; abbiamo portato con noi anche i cani antiveleno e alcuni degli articoli da leggere che presentavano notizie false. In verità noi non vogliamo mai convincere ma solo informare. Anche in questo caso abbiamo avuto un buon feedback, e l’abbiamo capito grazie alla tecnica dei bigliettini da completare, distribuiti all’inizio degli incontri con la scritta “Secondo me il lupo…” su cui i ragazzi hanno scritto commenti molto negativi, ma poi, ripresentandoli alla fine e dopo le nostre spiegazioni, abbiamo ottenuto risposte molto più favorevoli, così abbiamo capito che quel che manca è sempre e soprattutto una corretta informazione.
Secondo il documentario americano “Medicine of the Wolf” il lupo è la medicina che può salvare l’umanità, perché è un animale dal comportamento simile all’uomo e in più è sensibile e capace di provare forti emozioni. Che cosa ha da insegnare a noi il lupo?
Erika – I bambini rimangono colpiti quando apprendono l’importanza della vita sociale del branco: la collaborazione, la cura della prole, la territorialità. Quando spieghiamo questi comportamenti del lupo, i bambini li paragonano subito ai loro e fanno dei parallelismi, spesso ad esempio con il bullismo. Io non avevo mai pensato che parlare del lupo ai ragazzi potesse avere dei risvolti relazionali e sociali: capita spesso di esaminare con loro i comportamenti negativi attribuiti al “branco” dei ragazzi definiti “bulli”, per arrivare agli esempi positivi offerti invece dai branchi di lupi, quale la solidarietà e la lealtà.  Nella nostra società, purtroppo, c’è tutta una terminologia legata al lupo come elemento negativo. I giornalisti continuano a citare il lupo cattivo come simbolo abbinato a notizie di cronaca nera. Ma ora sta nascendo un tentativo di rivalutazione che noi in particolare cerchiamo di suscitare con l’educazione soprattutto delle nuove generazioni.
Mattia – Personalmente quello che il lupo mi ha insegnato è a tenere duro, non mollare. E’ incredibile come riesca a sopravvivere nonostante le barriere e le difficoltà oggettive poste dalla natura e poi anche dall’uomo. E’ inoltre un ponte che ci lega alla nostra montagna: per me è l’emblema della natura selvaggia che non manda via l’uomo da questi luoghi ma che anzi me li fa comprendere più in profondità e mi attira. Il lupo mi affascina non per motivi idealistici e romantici. Sono estremamente più realistico e so che il branco può essere anche crudele quando ad esempio uccide un lupo estraneo, quindi sono convinto che non è tutto positivo. Però per quanto ci sforziamo di comprenderlo, è inafferrabile e rimane misterioso. Non so quanti chilometri ho fatto nella tracciatura del lupo, ma in tutti questi anni l’avrò visto solo una quindicina di volte.
BrunellaParticolari ricordi?
Mattia – Sì, molti. Quando per caso non si sono accorti che io ero acquattato in un cespuglio: ho sentito un rumore, mi sono girato e ne ho visti tre a poca distanza da me. Un altro è di quando per la prima volta hanno risposto al mio wolf howling. Ma mi preme dire che, a parte gli avvistamenti, quello che il lupo mi insegna e anche mi affascina di più è la quotidianità di questo mio lavoro, è il rapporto che si viene ad instaurare con le persone.
 Quale uso dei deterrenti si sta facendo? Funzionano?
Mattia – Legato all’uso dei deterrenti c’è il problema dell’assuefazione. Il mio lavoro è anche quello di testare i sistemi di prevenzione: qui si usano le recinzioni elettrificate, i cani da guardiania,  le bandierine (fladry), i dissuasori acustici con voci umane registrate. I lupi, però, sono intelligenti e dopo un po’ capiscono cosa sono e non li temono più e quindi si è costretti a cambiarli. Il problema oltretutto è che ogni regione o vallata ha differenze locali e orografiche . Quindi, nonostante noi abbiamo avuto un’esperienza positiva in un posto, non possiamo credere di poterla esportare a scatola chiusa e di garantirne automaticamente la riuscita in un altro luogo. L’ambiente, le abitudine della conduzione agli alpeggi… tutto deve essere poi rimodulato.
Noi abbiamo 15 anni di esperienza preziosissima  in Piemonte, questo sì, è l’unico bagaglio che possiamo portarci dietro e che può servirci per contribuire a trovare strategie di convivenza pacifica tra uomini e lupi sulle nostre montagne.
Con queste ultime considerazioni, la mia intervista è terminata. Dopo aver salutato e ringraziato i miei ospiti, sulla strada del ritorno, mi colpisce la lucida consapevolezza che è solo tramite la conoscenza scientifica e approfondita dell’ambiente che ci circonda, che si può sviluppare il rispetto per le creature che lo popolano. Sono certa che dall’esemplare opera di informazione e di divulgazione che il LWA sta facendo presso le nuove generazioni possano nascere interessi e passioni che in futuro serviranno a migliorare un rapporto che dura da millenni tra uomini e grandi predatori.
Come dice Jim Brandeburg nel film documentario “Medicine of the Wolf”, è stato il lupo che circa 14.000 anni fa scelse e decise di avvicinarsi all’uomo e di farsi addomesticare. Ora è l’uomo che deve fare il passo inverso e dare al lupo la possibilità di sopravvivere in quanto uno degli animali chiave per il mantenimento dell’ecosistema, in modo che continui a vivere nel suo habitat, condividendolo in modo sostenibile con l’uomo, che ne è ugualmente ospite e non padrone assoluto. Se non si capirà in tempo che i lupi, come gli altri grandi predatori all’apice della catena alimentare, rappresentano la salvezza, per l’umanità non ci sarà un futuro.
 
Brunella Pernigotti
Immagine di copertina: “Lupo Ormea_ Centro Faunistico Uomini e Lupi_ photo credit Fulvio Beltrando”