All posts by Brunella Pernigotti

I am a lover of wolves and of Nature in general. With the means of knowledge and awareness, I try to devote myself to the protection of the environment and of the endangered species, as far as I can do. I live in Turin, Italy. I’m a teacher, a writer and a photographer. I published a novel and a book of tales and have to my credit about ten one-man exhibitions of photos. I’m member of the board of a no-profit association of Turin, “Tribù del Badnightcafè”, that organizes cultural and artistic events. Besides I created a group of volunteers to help women who are victim of domestic violence.

Sulle orme del Canis Lupus Italicus

Canis lupus italicus cucciolo che cammina

Il 9 gennaio alle ore 18, sulla pagina Facebook: Talk Show di persone e lupi, ( Talk Show di persone e lupi—Lupi Italiani | Facebook) Brunella Pernigotti condurrà un altro incontro che potrà fornirci ottime informazioni. Torneremo “Sulle tracce del Canis lupus-Italicus” con i nostri amici e graditi ospiti Luca Giunti, guardiaparco dell’Ente di Gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie in Piemonte; Antonio Iannibelli, fotografo, appassionato divulgatore di lupi e Guardia Ecologica Volontaria di Bologna; Silvia Bonomi, allevatrice di pecore Sopravissane, residente ad Ussita, nel cuore del territorio dei lupi dei Monti Sibillini. Con loro cercheremo di capire quali soluzioni possono adottare gli uomini, per mantenere una sana e serena convivenza con i lupi, predatori fondamentali per l’equilibrio naturale dell’ambiente.

Il 9 gennaio alle ore 18, sulla pagina Facebook: Talk Show di persone e lupi, ( Talk Show di persone e lupi—Lupi Italiani | Facebook).

Luca Giunti

Laureato in Scienze Naturali con una tesi magistrale sul ritorno del lupo sulle Alpi piemontesi, risiede a Susa dal 1987 dove lavora come Guardaparco per l’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Cozie.  Collabora con l’Università di Torino, tiene corsi di fotografia naturalistica, lezioni sulla ricerca naturale ed ecologica, e sulle Valutazioni di Impatto Ambientale. Ha pubblicato, assieme ad altri autori, articoli scientifici su riviste nazionali e internazionali, e alcuni libri, soprattutto fotografici. Inoltre nel 2021 ha pubblicato il libro: Le conseguenze del ritorno – Storie, ricerche, pericoli e immaginario del lupo in Italia – Edizioni Alegre.

Antonio Iannibelli

E’ nato e ha vissuto nel cuore del Parco Nazionale del Pollino fino alla prima adolescenza, maturando un grande amore per la natura e per gli animali e creando le basi di una conoscenza profonda della fauna appenninica, in particolare del lupo (Canis Lupus Italicus), di cui è un divulgatore appassionato. Ha fondato l’Associazione culturale “Provediemozioni.it” che si occupa di fotografia ed educazione ambientale.
Attraverso il network nazionale “Italian Wild Wolf” (italianwildwolf.com) ha dato voce ai tanti volontari, appassionati e studiosi di lupo. Ha ideato nel 2008 l’evento biennale di divulgazione sul ruolo naturale del lupo, la “Festa del lupo”. Nel libro “Un cuore tra i lupi”, autoprodotto, ha descritto come nasce il suo amore per la natura e per i lupi. Dedica buona parte del suo tempo libero ad attività di volontariato a difesa dell’ambiente e della biodiversità come Guardia Ecologica Volontaria, GEV Bologna.

 

Silvia Bonomi

Allevatrice di pecore di razza Sopravissana, residente ad Ussita (Mc), paesino dell’entroterra Marchigiano, nel cuore del territorio dei lupi dei Monti Sibillini. La sua azienda era nata ufficialmente nel Maggio 2016, dopo anni di allevamento amatoriale che aveva consentito un recupero capillare dei rari e pregiati animali, ma dopo soli cinque mesi di fervente attività, a seguito dei tragici eventi sismici, l’attività dovette subire una pesantissima battuta d’arresto. Silvia e il suo compagno Riccardo, però, non si sono mai arresi e, dopo innumerevoli difficoltà, ora vantano una ben avviata impresa locale di allevamento e vendita di capi ovini di razza Sopravissana, iscritti al Registro Anagrafico, con Programma di Conservazione su un piccolo numero di capi.  Sul loro sito leggiamo le attività che portano avanti con coraggio e determinazione: Allevamento di biodiversità locali – Riproduttori Razza Sopravissana – Riproduttori Cani custodi del gregge – Vendita di animali per l’aumento numerico – Vendita della lana Sopravissana. (https://sopravissanadeisibillini.it)

VI ASPETTIAMO DOMENICA 9 GENNAIO ALLE ORE 18, SULLA PAGINA TALK SHOW DI PERSONE E LUPI – LUPI ITALIANI (https://www.facebook.com/TalkShowdipersoneelupiitaliani)

 

English

In the footprints of Canis lupus-Italicus

On 9 January at 6 pm CET, on https://www.facebook.com/TalkShowdipersoneelupiitaliani, Host Brunella Pernigotti returns with another informative show, “In the footsteps of Canis lupus-Italicus” with guests Luca Giunti, park ranger for the Management Body of the Protected Areas of the Cottian Alps in Piedmont; with Antonio Iannibelli, photographer, enthusiastic divulger of wolves and Voluntary Ecological Guard of Bologna; and with Silvia Bonomi, a breeder of Sopravissana sheep, resident in Ussita, living in the heart of the wolves territory of the Sibillini Mountains. With them we will try to understand what solutions men can adopt, to maintain a healthy and peaceful coexistence with wolves because they are essential for the natural balance of the environment.

Luca Giunti – Graduated in Natural Sciences with a master’s thesis on the return of the wolf to the Piedmontese Alps, he has lived in Susa since 1987 where he works as a park ranger for the management body of the protected areas of the Cottian Alps. He collaborates with the University of Turin, holds courses in nature photography, lessons on natural and ecological research, and on Environmental Impact Assessments. He has published, together with other authors, scientific articles in national and international journals, and some books, especially photographic ones. In addition, in 2021 he published the book: The consequences of the return – Stories, researches, dangers and imagery of the wolf in Italy – Edizioni Alegre.

Antonio Iannibelli – He was born and lived in the heart of the Pollino National Park until his early adolescence, developing a great love for nature and animals and creating the basis for a deep knowledge of the Apennine fauna, in particular of the wolf (Canis Lupus Italicus), of which he is a passionate popularizer. He founded the cultural association “Provediemozioni.it” which deals with photography and environmental education.

Through the national network “Italian Wild Wolf” (italianwildwolf.com) he gave a voice to the many volunteers, enthusiasts and wolf scholars. He conceived in 2008 the biennial event for the dissemination of the natural role of the wolf, the “Wolf Festival”. In the book “A heart among wolves”, self-produced, he described how his love for nature and for wolves was born. He dedicates a large part of his free time to volunteer activities in defense of the environment and biodiversity as a Voluntary Ecological Guard, GEV Bologna.

Silvia Bonomi – Sheep breeder of the Sopravissana breed, resident in Ussita (Mc), a village in the Marche outback, in the heart of the territory of the Sibillini wolves. Her company was officially born in May 2016, after years of amateur breeding which had allowed a capillary recovery of rare and precious animals, but after only five months of fervent activity, following the tragic earthquakes, the business had to undergo a very heavy setback. Silvia and her partner Riccardo, however, never gave up and, after countless difficulties, now boast a well-established local business of breeding and selling Sopravissana sheep, registered in the Registry Register, with a Conservation Program on a small number of heads. On their website we can read about the activities they carry out with courage and determination: Breeding of local biodiversity – Breed Sopravissana breed – Breeders Dogs guardians of the flock – Sale of animals for the numerical increase – Sale of Sopravissana wool. (https://sopravissanadeisibillini.it)

JOIN US ON 9 JANUARY AT 6PM CET ON FACEBOOK PAGE “TALK SHOW DI PERSONE E LUPI – LUPI ITALIANI” (https://www.facebook.com/TalkShowdipersoneelupiitaliani)

From the Alps to Calabria, the first nationally coordinated wolf monitoring in Italy.

For the first time since the Italian wild wolf has been protected, national institutions join forces to photograph its distribution and consistency simultaneously from the Alps to Calabria, using sampling schemes and advanced standardized protocols, developed by the Higher Institute for Protection and Environmental Research (ISPRA). The Ministry of the Environment has given a mandate to ISPRA to produce an updated estimate of the distribution and consistency of the wolf at national level.

To respond to this ambitious challenge, ISPRA has created a highly specialized working group, which involves zoologists and geneticists, and has activated a collaboration with Federparchi Europarc Italia (the Italian Federation of Parks and Natural Reserves) and with the LIFE WolfAlps Project EU. “The wolf is one of the best known species in Italy, but also one of the most elusive and difficult to study”, Dr. Piero Genovesi says, head of the ISPRA Wildlife Coordination Service.

“All the projects activated so far on this carnivore have had a local character and have been limited in time: they haven’t been able to produce an accurate estimate at the national level; in order to produce an updated and accurate estimate we have created the Wolf Network involving all local authorities, starting from Regions and National Parks, with 40 associations including WWF, Cai, Legambiente, Lipu, Aigae and we have activated a collaboration with the Forestry Police “.

The ISPRA experts, with the support of a pool of university researchers, have combined in an extremely innovative way a probabilistic sampling scheme with the most advanced survey techniques tested on the species, to obtain an estimate of the wolf population and its distribution. Based on homogeneous operational protocols, field data has been collected since October 2020, by patrolling pre-established paths in about 1,000 cells of ten square kilometers distributed throughout the national territory; the data collection phase is ending in March 2021 and the results of the national monitoring will therefore be made public in the coming months and illustrated in detail, in order to provide a credible and transparent scientific knowledge base.

In the same period, the LIFE WolfAlps-EU project is coordinating and carrying out a similar sampling in the Alpine regions, from Liguria to Friuli-Venezia Giulia. The results of the estimated distribution and abundance of the wolf population in Italy will be processed and presented at the end of 2021 as part of a final event to illustrate the project activities.

Source:

Dalle Alpi alla Calabria, il primo monitoraggio del lupo coordinato a livello nazionale — Italiano (isprambiente.gov.it)

Monitoraggio nazionale del lupo: la parola a chi lavora sul campo.

 

Foto di Antonio Iannibelli

Brunella Pernigotti domenica 28 marzo, alle 18:00 ora italiana, ospiterà Luca Giunti e Antonio Iannibelli, che ci parleranno della strategia della raccolta dati e delle possibili interpretazioni, dedicando particolare attenzione alle diverse realtà in cui operano.

In diverse occasioni nel passato abbiamo avuto il piacere di ospitare e conoscere, se pur separatamente, Antonio Iannibelli e Luca Giunti, e ora siamo lieti di avere la possibilità di parlare con entrambi e di poter conoscere dai loro racconti l’esperienza maturata durante questo anno che, nonostante le varie difficoltà poste dalle limitazioni causate dal Covid 19, ha visto svolgersi “…la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del lupo in Italia, [partita a ottobre 2020] che si concluderà a marzo 2021. Il monitoraggio, coordinato da ISPRA su mandato del Ministero dell’Ambiente, applicherà per la prima volta un programma coordinato realizzato sulla base di disegni di campionamento standardizzati, messi a punto da ISPRA” [tratto da Linee guida per il monitoraggio nazionale del lupo — Italiano (isprambiente.gov.it) ]

Siamo, dunque, davvero interessati a conoscere in che modo questo progetto ha potuto svilupparsi, tenendo presente che Antonio e Luca operano rispettivamente sull’Appennino e sulle Alpi.

Luca Giunti – Nato a Genova. Laureato in Scienze Naturali con una tesi magistrale sul ritorno del lupo sulle Alpi piemontesi, risiede a Susa dal 1987 dove lavora come Guardaparco per l’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Cozie.  Collabora con l’Università di Torino, tiene corsi di fotografia naturalistica, lezioni sulla ricerca naturale ed ecologica, e sulle Valutazioni di Impatto Ambientale. Ha pubblicato, assieme ad altri autori, articoli scientifici su riviste nazionali e internazionali, e alcuni libri, soprattutto fotografici.

Foto di Luca Giunti

 

Foto di Luca Giunti

Antonio Iannibelli – E’ nato e ha vissuto nel cuore del Parco Nazionale del Pollino fino alla prima adolescenza, maturando un grande amore per la natura e per gli animali e creando le basi di una conoscenza profonda della fauna appenninica, in particolare del lupo (Canis Lupus Italicus), di cui è un divulgatore appassionato. Ha fondato l’Associazione culturale “Provediemozioni.it” che si occupa di fotografia ed educazione ambientale.
Attraverso il network nazionale “Italian Wild Wolf” ha dato voce ai tanti volontari, appassionati e studiosi di lupo. Ha ideato nel 2008 l’evento biennale di divulgazione sul ruolo naturale del lupo, la “Festa del lupo”. Nel libro “Un cuore tra i lupi”, autoprodotto, ha descritto come nasce il suo amore per la natura e per i lupi. Dedica buona parte del suo tempo libero ad attività di volontariato a difesa dell’ambiente e della biodiversità come Guardia Ecologica Volontaria, GEV Bologna.

www.antonioiannibelli.it

www.italianwildwolf.it

www.provediemozioni.it

Foto di Antonio Iannibelli

Foto di Antonio Iannibelli

Non perdetevi dunque l’appuntamento di domenica 28 marzo, alle 18:00 ora italiana, sulla pagina Facebook di Talk Show di persone e lupi – Lupi italiani! (6) Talk Show di persone e lupi—Lupi Italiani | Facebook

Opinion: Why the Wolf?

Canis lupus italicus, cuccioli che guardano – Photo by Antonio Iannibelli

This is the question I hear most often from those who know me and are amazed that all of a sudden I am dealing with wolves. In fact, I teach English and my life has been oriented towards other goals after having searched in vain for a way to study and graduate in a subject, Ethology, which in Turin in 1980 still resonated like a whimsy of the” flower children”. But certain things “go around immense and then come back”, so many years have passed, and after Milla died – a crossbreed very similar to a wolf and my guiding spirit for 10 years – from 2013 I started doing anthropological and naturalistic research, to understand better the behavior of these magical creatures who, in the meantime, have come back to the Alps and now populate the woods of my house, in Val di Susa.

Alps, Valle di Susa, Italy – Photo by Brunella Pernigotti

Since then, the more I get into the study of wolves, the more I realize that the atavistic bond that binds us is made up of much deeper and inherent elements in both our natures, which are so similar and parallel. Wolves are our alter ego, they are the mirror in which men see themselves and find their roots, for better or for worse. Our society tends to disconnect us from nature and its laws, deluding ourselves that we can control everything on earth, under the sea, in the sky. Human history has only ever taken and consumed the Earth, the wolf now represents an obvious obstacle and is here to tell us: Enough!

The distorted image we have of these creatures is due to many factors, ancient and modern. We have forgotten it, but there are populations still strongly linked to the Earth, who respect and consider its creatures as our teachers. The wolf has taught us not only the techniques of hunting, but also the strategies of encirclement, charge and attack, which men have used in their military actions for centuries. Now the question that prompts me to investigate is: why do we maintain such a difficult and contradictory relationship with this species? Maybe because wolves are predators, considered rather dangerous, but not enough to revere them and elevate them to the rank of the most noble (always according to a human evaluation) felines such as the lion or the tiger?… We tear our clothes off if a hunter kills a lion in distant Africa, but we let the most important remaining predators, those at the top of the perfect natural trophic mechanism of our regions, be hunted, tortured, or poisoned in our home. Why? Do we think that wolves are bad dogs? Why do we have the right to judge them instead of simply accepting them? Would we perhaps like to erase with them that wild part that we know is in ourselves? …

These are open questions. But, I repeat, I am sure of one thing: that we are disconnected, detached from our own roots, so we no longer realize that the world we have created is falling into a chasm full of plastic and pollutants, where the natural habitats no longer exist, not only for the rest of creatures, but also for us. Recreating environments, where free and uncontaminated nature reigns, is a gift that we should give to us and to the future generations. Each creature has its own role in the ecosystem, whether we want it or not. Unfortunately, we have already lost thousands of species that have become extinct through our fault, because we do not want to change our attitude and we believe that we are right, yet we do not realize that we become poorer, (and sicker), every time we cut down a plant, or a forest disappears, or we kill a living creature for no reason. As Jane Goodall says: let’s try to consider wolves, and other animals, as sentient beings, who are capable of feeling joy, pain, fear, love. And I think: like us, they are affectionate and, within their pack, they take care of each other; they too are competitive and territorial, so they defend their borders and can attack and kill if other alien wolves threaten their lands; finally, they have to feed their offspring so, to get food, they use the weapons they are equipped with: fangs, physical strength, but also intelligence and flexibility. The differences with humans do not seem so many to me.

Undoubtedly the presence of the wolf is uncomfortable and in Europe, where the natural territory has now been almost completely modified and domesticated, this problem is particularly felt, but the solution cannot be to erase them from the face of the Earth. Simple common sense should suggest that by doing so, we would create a dangerous void in the ecosystem that could be immediately filled by another species or which could lead to a significant loss of balance in the “natural system”. So we must commit ourselves to change attitudes, trying to dialogue with all the parties involved, putting aside prejudices and entrenched positions. Thinking of being on the side of reason and expecting “others” to change their opinion will lead nowhere. It takes willpower, humility and open-mindedness to meet, look each other into the eyes and talk, bearing in mind that each person counts and can make a difference: who has the courage to change, will change the world. Only an empathic, intelligent and wise approach will help us to find together a solution that leads to the peaceful coexistence of all creatures.

Finally, I love to remember that every wolf is an individual, with its own story, even if often there is no one to tell it. Theirs are stories of heroes without medals, of difficulties and risks, of kilometers traveled, of courage, of death and of hope. Stories of love, of atavistic wisdom, of hiding places, of air and howled stars, magical stories we can read in the depths of their eyes. Let’s make sure that the green flame, the same that Aldo Leopold saw in that gaze, does not go out.

Perché il lupo?

Canis lupus italicus, cuccioli che guardano – Foto di Antonio Iannibelli

Perché il lupo? Questa è la domanda che mi sento rivolgere più spesso da chi mi conosce e si stupisce che improvvisamente mi stia occupando di lupi. In effetti insegno inglese e la mia vita si era orientata verso altre mete dopo aver cercato inutilmente il modo di studiare e di laurearmi in una materia, l’Etologia, che a Torino nel 1980 ancora risuonava come una stramberia dei figli dei fiori. Ma certe cose “fanno giri immensi e poi ritornano”, così passati molti anni, e dopo che Milla morì – una meticcia molto simile a un lupo nonché il mio spirito guida per 10 anni – a partire dal 2013 iniziai a fare ricerche antropologiche e naturalistiche, per comprendere il comportamento di queste magiche creature che, nel frattempo, erano tornate a popolare i boschi di casa mia, in Val di Susa.

C’e’ Solo una donna nella lotta per educare il pubbico sui lupi. Potra’ educarvi. Producer Rachel Tilseth. Wolves of Douglas County Wisconsin News Media.

Da allora, più mi addentro nello studio dei lupi, più mi rendo conto che il legame atavico che ci lega è costituito da elementi molto più profondi e insiti nelle nostre nature così simili e parallele. I lupi sono il nostro alter ego, sono lo specchio in cui gli uomini si vedono e ritrovano le proprie radici, nel bene e nel male. La nostra società tende a disconnetterci dalla natura e dalle sue leggi, illudendoci di poter controllare ogni cosa sulla terra, sotto i mari, nel cielo. La storia umana ha sempre e solo preso e consumato la Terra, il lupo ora rappresenta un evidente ostacolo ed è qui per dirci: Basta!

L’immagine distorta che abbiamo di queste creature è dovuta a molti fattori, antichi e moderni. Noi l’abbiamo dimenticato, ma ci sono popolazioni ancora fortemente legate alla Terra, che rispettano le sue creature per ciò che esse ci insegnano. Il lupo ci ha insegnato non solo le tecniche della caccia, ma anche le strategie di accerchiamento, carica e attacco, utilizzate poi dagli uomini nelle guerre. Ora la domanda che mi spinge a indagare è: perché manteniamo nei confronti di questa specie un rapporto così difficile e contraddittorio? I lupi sono predatori, ritenuti dall’uomo piuttosto pericolosi, ma non abbastanza da riverirli ed elevarli al rango dei più nobili (sempre secondo una valutazione umana) felini quali il leone o la tigre. Ci strappiamo le vesti se un cacciatore uccide un leone nella lontana Africa, ma lasciamo che a casa nostra vengano cacciati, seviziati, o avvelenati i più importanti predatori rimasti, quelli all’apice del perfetto meccanismo trofico naturale delle nostre regioni. Perché? Pensiamo forse che i lupi siano dei cani venuti su male? Per quale motivo ci arroghiamo il diritto di giudicarli invece di accettarli semplicemente? Vorremmo forse cancellare con loro quella parte selvaggia che vediamo in noi stessi? …

Domande aperte. Ma ripeto, di una cosa sono certa: che siamo disconnessi, staccati dalle nostre stesse radici, per cui non ci rendiamo più conto che il mondo che abbiamo creato sta precipitando in una voragine piena di plastica e inquinanti, dove non esistono più gli habitat ritenuti naturali, non solo per il resto delle creature, ma anche per noi stessi. Ricreare degli ambienti in cui regni la natura libera e incontaminata è un regalo che dovremmo fare a noi e alle future generazioni. Ogni creatura ha un suo ruolo nell’ecosistema, che noi lo vogliamo oppure no. Purtroppo abbiamo già perso migliaia di specie che si sono estinte per colpa nostra, perché non sappiamo cambiare atteggiamento e crediamo di essere dalla parte della ragione, quando in realtà non ci rendiamo conto che diventiamo più poveri, (e più malati), ogni volta che abbattiamo una pianta, che un bosco sparisce, che uccidiamo senza motivo una creatura vivente. Jane Goodall ci invita a considerare i lupi, e gli altri animali, come esseri senzienti, che sono capaci di provare gioia, dolore, paura, amore. E io penso: come noi, i lupi sono affettuosi e, all’interno del loro branco, si prendono cura gli uni degli altri; anche loro sono competitivi e territoriali, perciò difendono i propri confini, arrivando ad attaccare e uccidere se altri lupi estranei minacciano le loro terre; infine devono sfamarsi e nutrire la loro prole e per procacciarsi il cibo usano le armi di cui sono dotati: zanne, forza fisica, ma anche tanta intelligenza e flessibilità. Non mi sembrano poi tante le differenze rispetto al comportamento umano.

Indubbiamente la presenza del lupo è scomoda e in Europa, dove ormai il territorio naturale è stato quasi completamente modificato e addomesticato, questo problema è particolarmente sentito, però la soluzione non può essere il tentativo di eradicarli, cancellandoli dalla faccia della Terra. Il semplice buon senso ci dovrebbe suggerire che così facendo, creeremmo nell’ecosistema un pericoloso vuoto che potrebbe essere immediatamente colmato da un’altra specie o che potrebbe portare ad una perdita importante di equilibrio e di bilanciamento del “sistema natura”. Quindi ci si deve impegnare a cambiare atteggiamento, a cercare di dialogare con tutte le parti in causa, mettendo da parte i pregiudizi e le prese di posizione. Arroccarsi nella convinzione di essere dalla parte della ragione e pretendere che siano gli “altri” a dover cambiare opinione non porterà da nessuna parte. Ci vogliono volontà, umiltà e apertura mentale, per incontrarsi, guardarsi negli occhi, tenendo presente che ogni persona conta e può fare la differenza: chi ha il coraggio di cambiare, cambia il mondo. Solo un approccio empatico, intelligente e saggio ci aiuterà a trovare insieme una soluzione che porti alla convivenza pacifica di tutte le creature. Amo infine ricordare che ogni lupo è un individuo, con una sua storia, anche se spesso non c’è nessuno a raccontarla. Le loro sono storie di eroi senza medaglie, di difficoltà e rischi, di chilometri percorsi, di coraggio, di morte e di speranza. Storie di amore, di saggezza atavica, di nascondigli, di aria e di stelle ululate, storie magiche da leggere nel profondo dei loro occhi. Facciamo in modo che la fiamma verde, quella che Aldo Leopold vide in quello sguardo, non si estingua.
Brunella

Una “pastorella” tra i lupi.

Domenica 6 dicembre, alle 18, ora italiana, non perdetevi l’appuntamento con un’altra delle nostre interviste. Graditissima ospite di Brunella Pernigotti sarà Silvia Bonomi, un’allevatrice di ovini di razza Sopravissana che vive con il suo compagno a Ussita, nel cuore del Parco nazionale dei Monti Sibillini (Marche).

Silvia con una delle sue pecore

Silvia ci parlerà di come sia possibile difendere il proprio allevamento dai lupi, da sempre parte integrante del panorama naturalistico delle sue montagne.

Un lupo che si aggira nei pressi della stalla

Suo nonno allevava un tipo particolare di pecora, la Sopravissana, ormai quasi estinta. Nel maggio 2016 Silvia ricominciò l’attività del nonno partendo da 4 agnellini di razza e puntando sulla qualità. Ora è arrivata ad averne 200 circa.

Al pascolo

“Questa è la pecora della transumanza, – dice Silvia – è il simbolo della storia locale e noi rispettiamo questi animali. Proprio per questo noi non macelliamo: per noi queste pecore sono animali preziosi, sono le nostre “ragazze” e ognuna ha un nome. Lo stesso vale per i nostri agnellini”

Nella stalla con uno dei bianchi guardiani che difendono il gregge dai lupi
Come dimostra questa foto scattata da Silvia sul ciglio di una strada asfaltata, nella sua zona i lupi vivono vicino agli abitati e agli allevamenti e sanno approfittare di ogni opportunità. Sta all’allevatore saper difendere nel modo corretto e non letale il proprio bestiame.

Nel 2016 e nel 2018 nelle Marche ci fu un tremendo terremoto che fece numerose vittime e distrusse paesi interi. Silvia perse prima la casa, poi la stalla cioè il ricovero per i suoi animali. 

Dopo il terremoto molti paesi andarono distrutti

Nonostante i danni subìti dal terremoto, però, Silvia non si diede per vinta e proseguì con successo fino ai giorni nostri le attività nella sua Azienda Agricola “La Sopravissana dei Sibillini”. Attualmente sta dando vita a una serie di progetti, tra cui la collaborazione a titolo gratuito con enti e associazioni per fornire ad altri allevatori testimonianze dirette e informazioni utili alla coesistenza pacifica uomo-lupo. Silvia è anche una delle creatrici di “Sibillana”, progetto di impegno sociale e di collaborazione tra donne straordinarie che vivono nelle regioni colpite dal sisma e che sono accomunate dalla passione per l’allevamento di questa razza di pecore antica e preziosa, con la speranza che – come dice Silvia – ogni beneficio ricada a cascata su tutto il nostro territorio, devastato dal sisma, ma ugualmente unico e meraviglioso”

La Sopravissana dei Sibillini | Azienda Agricola di Silvia Bonomi

Seguiteci sulla pagina Talk Show di persone e lupi—Lupi Italiani (facebook.com)

Un guardiano delle nostre montagne

È con piacere che vi invitiamo alla nostra prossima intervista sulla pagina Facebook “Talk Show di persone e lupi—Lupi Italiani” che avrà luogo domenica 15 novembre, alle 18 ora italiana. Gradito ospite di Brunella Pernigotti sarà Luca Giunti che ci parlerà del progetto Life WolfAlps Eu (https://www.lifewolfalps.eu) e della presenza del lupo in Piemonte.

Al lavoro nel Parco Naturale Orsiera Rocciavrè

Luca Giunti è uno dei project manager del rinnovato progetto LifeWolfAlps-Eu. Nato a Genova, vive a Susa dal 1987, dove lavora come Guardaparco per l’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Cozie.

Luca con piccolo camoscio a Bernezzo

Laureato in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Torino, dal 2018 è iscritto all’Albo Italiano dei Direttori dei Parchi Nazionali istituito presso il Ministero dell’Ambiente. Partecipa ai Progetti Life + dell’Unione Europea (tra cui il Life Wolf Alps)

Un intervento a Novalesa a seguito del ritrovamento di una lupa morta

Collabora con l’Università e il Politecnico di Torino per cui tiene corsi di fotografia naturalistica, lezioni sulla ricerca naturale ed ecologica, educazione ambientale e sulle Valutazioni di Impatto Ambientale.

Guardia parco e fotografo

Collabora con numerose testate giornalistiche, ha pubblicato articoli scientifici su riviste nazionali ed internazionali e alcuni libri, soprattutto fotografici. Presenta frequentemente conferenze e proiezioni di argomento naturalistico: flora, fauna, biodiversità, la presenza del lupo, ecc.

Intervista da parte della RAI

———————————–

For English speakers

We are pleased to invite you to the next interview on Italian Facebook page Talk Show Storie di Uomini e Lupi – Lupi Italiani that will take place on November 15th at 06:00 p.m. C.E.T.

Brunella Pernigotti will host Luca Giunti, one of the project managers of the renewed LifeWolfAlps-Eu Project.

He was born in Genoa, and has been living in Susa since 1987 where he works as a park ranger for the management body of the protected areas of the Cottian Alps. 

Graduated in Natural Sciences at the University of Turin, since 2018 he has been in the Italian Register of Directors of National Parks established at the Ministry of the Environment. He participates in the Life + Projects of the European Union (including the Life Wolf Alps) and collaborates with the University and Polytechnic of Turin where he teaches nature photography and takes lessons on natural and ecological research, environmental education and on Assessments of Environmental Impact.

He collaborates with numerous newspapers, has published scientific articles in national and international journals and some books, particularly of photos. 

L’uomo che sognava i lupi

Siamo felici di invitarvi alla prossima intervista in diretta sulla pagina Facebook di Talk Show di persone e lupi – Lupi Italiani. Brunella Pernigotti intervisterà il naturalista e responsabile scientifico del WWF Italia Marco Galaverni, domenica 27 settembre, alle 18:00, ora italiana. L’incontro verterà soprattutto sulla gestione dei grandi carnivori in Italia.

Marco Galaverni inizia molto giovane come volontario e attivista presso il WWF.

Marco Galaverni e il WWF

Consegue il dottorato di ricerca all’Università di Bologna in Biodiversità ed Evoluzione. Sviluppa una tesi su Genetica Ecologica e Genomica della Conservazione del Lupo (Canis lupus), in collaborazione con il Laboratorio di Genetica, l’Istituto Nazionale per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e il Dipartimento di Ecologia e Biologia Evolutiva dell’Università della California, Los Angeles (UCLA).

Ricerche sul campo

Da oltre dodici anni studia il lupo in Italia e nel mondo, ha pubblicato decine di articoli scientifici su riviste internazionali. Collaboratore di ricerca per l’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), ora è direttore scientifico di WWF Italia.

La conservazione del Canis Lupus Italicus

La passione per il suo lavoro lo porta a svolgere anche attività di divulgazione: diverse trasmissioni televisive, fra cui Geo, lo annoverano tra i loro ospiti regolari.

Intervento divulgativo alla Festa del Lupo 2018

Nel 2019 pubblica il libro “L’uomo che sognava i lupi” – ORME Editore.

L’uomo che sognava i lupi

https://www.youtube.com/watch?v=gOJRaw6pgLg WWFItalia e Carabinieri Forestali insieme nel Progetto Lupo per la conservazione del Canis Lupus Italicus.


FOR ENGLISH SPEAKERS

We are happy to invite you to the next live streaming interview on the Facebook page: Talk Show of people and wolves – Italian Wolves. Brunella Pernigotti will interview our guest: the naturalist and scientific director of WWF Italy Marco Galaverni, Sunday 27 September, at 18:00, CEST. The meeting will focus mainly on the management of large carnivores in Italy.

Marco Galaverni started very young as a volunteer and activist at the WWF.

He obtained a PhD in Biodiversity and Evolution at the University of Bologna. His thesis project was on Ecological Genetics and Genomics of Wolf Conservation (Canis lupus), in collaboration with the Laboratory of Genetics, the National Institute for Environmental Protection and Research (ISPRA) and the Department of Ecology and Evolutionary Biology of the University of California, Los Angeles (UCLA).

For over twelve years he has been studying the wolf in Italy and in the world, he has published dozens of scientific articles in international journals. He regularly collaborates with ISPRA (Institute for Environmental Protection and Research), and he is now scientific director of WWF Italy. The passion for his work leads him to also carry out information and education activities: several television broadcasts, including Geo, count him among their regular guests.

In 2019 he published the book “L’uomo che sognava I lupi [The man who dreamed of wolves ]” – ORME Editore.

https://www.youtube.com/watch?v=gOJRaw6pgLg WWFItalia and the Carabinieri Forestali together in the Wolf Project for the conservation of Canis Lupus Italicus.

Un week-end sui Monti Sibillini.

Nel cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini esiste e resiste l’Az. Agricola “La Sopravissana dei Sibillini” di Silvia Bonomi, che deve essere portata ad esempio per come Silvia, una donna forte e determinata, esercita l’attività di pastorizia allevando una razza di pecore antica e preziosa per il tipo di lana pregiata che produce. Silvia e il suo compagno Riccardo Benedetti utilizzano i sistemi di deterrenza non letale più validi ed efficaci per proteggere i loro animali, che rappresentano il tesoro della loro vita: insieme alle pecore accolgono anche un nutrito numero di asini, recuperati da situazioni drammatiche in giro per l’Italia. A ciascuna pecora e a ciascun asino hanno dato addirittura un nome!

Exif_JPEG_420
Nella foto Silvia e Riccardo ci accolgono al mattino.

 

Exif_JPEG_420
Nell’azienda vivono anche degli asini. E sono nati da poco dei cuccioli.

Insieme, da 12 anni, portano avanti un sogno davvero difficile da realizzare, all’inizio, e in seguito da mantenere vivo; infatti nel 2016 tutta la regione fu colpita da un terremoto devastante che purtroppo fece crollare case, stalle, chiese e borghi antichi. Ma loro non vollero abbandonare il territorio e rimasero con il loro gregge, che ogni anno cresce e si perfeziona nella purezza.

Con Antonio Iannibelli, fondatore di Italian Wild Wolf (http://italianwildwolf.com/ https://www.facebook.com/groups/147854318594312/ ), abbiamo organizzato un viaggio per incontrarli e per conoscere meglio la loro storia. Siamo tutti davvero grati a Silvia e Riccardo perché ci hanno regalato una giornata del loro tempo, facendoci vivere e provare in prima persona le esperienze del loro lavoro.

Nella foto siamo in partenza per l’altopiano del Macereto dove le pecore sono al pascolo custodite dai cani.

115588584_3566003003410525_2567784469400749055_o

 

Sono certa che la loro testimonianza sarà utile a tutti quegli allevatori che subiscono predazioni da parte dei lupi e che necessitano di consigli che li guidino, poiché in questa azienda è dimostrato che, applicando i giusti metodi, si può coabitare pacificamente in un territorio che appartiene atavicamente sia al Canis Lupus Italicus, sia all’uomo.

Exif_JPEG_420
Turco, uno dei cani custodi

Riportiamo di seguito le parole che Silvia stessa ha voluto dedicarci come saluto quando siamo partiti per tornare a casa.

“Nonostante la confusione organizzativa della nostra azienda in estate, periodo in cui ci dividiamo tra fondovalle con le agnellone e monticazione della restante parte del gregge sull’altopiano di Macereto, siamo certi di avervi trasmesso quelli che per noi sono i valori pilastri della nostra scelta di allevamento: rispetto per l’ambiente in cui viviamo e lavoriamo, cura del territorio e pascolo turnato per un consumo adeguato del suolo e delle risorse con relativa opera di prevenzione delle calamità naturali (ricordiamo che il pascolamento riduce il rischio di valanghe e di incendi, questi ultimi spesso dolosi), occhio di riguardo per gli animali domestici e selvatici, mediante il controllo delle trasmissioni parassitarie e patologiche tra domestico e selvatico (dai parassiti alle malattie) e garanzia di convivenza con il predatore d’eccellenza delle nostre montagne: il lupo.

Il nostro territorio consente l’ottimale utilizzo di recinzioni elettrificate (che abbiamo sempre sostenuto essere sufficienti per il contenimento degli animali, non come “misura anti-lupo”) e l’inserimento di cani custodi nel gregge. Questo ultimo punto, con riserva di capacità da parte del pastore di moderare l’esuberanza dei soggetti più giovani e spinti, attraverso un percorso educativo che impone comunque molto lavoro e sacrificio.

Caino, cane da pecora dell’Abruzzo di un anno, è l’esempio lampante di come un giovane custode debba essere monitorato il più possibile in questa fase di finissaggio e non lasciato fare in mezzo alle pecore perché tanto lo porta nel sangue. I cani custodi vanno scelti da linee da lavoro e seguiti durante tutto il loro percorso di crescita.”

2 (2)

Nella foto uno dei cuccioli di tre giorni, nati dalla coppia di pastori d’Abruzzo di Silvia e Riccardo.

Qui il racconto della nostra esperienza scritto da Antonio Iannibelli con Maria: http://antonioiannibelli.it/2020/07/31/pastori-tra-i-sibillini/

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3566003490077143&id=907224739288378

https://sopravissanadeisibillini.it/

https://www.facebook.com/Az-Agricola-La-Sopravissana-dei-Sibillini-di-Silvia-Bonomi-907224739288378/

Talk show di Persone e lupi, Con piacere annunciamo la nostra prossima intervista con Erika Ottone

Mercoledì 15 luglio alle 18, ora italiana, sulla pagina Facebook Talk Show di Persone e Lupi-Lupi Italiani .

Lupi in Pollino Parco. Credit Antonio Iannibelli. http://antonioiannibelli.it

Erika Ottone è un medico veterinario che lavora presso l’Ente Parco Nazionale del Pollino, in Basilicata.

Pollino da vivere

 

Brunella Pernigotti parlerà con Erika Ottone, un medico veterinario, del conflitto canidi-uomo per la conservazione del lupo. Ente Parco Nazionale del Pollino @enteparcopollino · National Park

l’Ente Parco Nazionale del Pollino. Credit Antonio Iannibelli. http://antonioiannibelli.it

Breve biografia di Erika Ottone

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Erika Ottone alla Feste del Lupo 2018

Erika Ottone è un medico veterinario con esperienza in soccorso, cura e riabilitazione di animali selvatici, monitoraggi faunistici ed educazione ambientale. Dal 2017 lavora per l’Ente Parco Nazionale del Pollino in Basilicata occupandosi di monitoraggio e accertamento delle predazioni al bestiame da parte di selvatici nell’ambito del progetto “Convivere con il lupo, conoscere e preservare”

53926383_1080784462132798_6308101794295709696_n
Erika Ottone al lavoro, mentre parla con un pastore.

Sono felice di poter incontrare Erika e di aver modo di farle delle domande sul suo interessante lavoro nel Parco, a contatto con la natura e con i lupi, animali affascinanti e misteriosi. ~Brunella Pernigotti

Collegatevi con noi mercoledì 15 luglio, alle 18, ora italiana, sulla pagina Facebook “Talk show di persone e lupi – Lupi italiani” e anche voi avrete la possibilità di rivolgere in diretta delle domande a Erika!

 

Lupo in l’Ente Parco Nazionale del Pollino in Basilicata. Credit Antonio Iannibelli. http://antonioiannibelli.it